L’attività di acconciatore e barbiere comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l’aspetto estetico dei capelli, ivi compresi i trattamenti tricologici complementari che non implichino prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonché il taglio e il trattamento estetico della barba e ogni altro servizio inerente o complementare. Nell’attività sono, inoltre, comprese le prestazioni semplici di manicure estetica, limitatamente al taglio, limatura e laccatura delle unghie. L’acconciatore non può effettuare attività di trucco (maquillage o make-up). Non è prevista alcuna distinzione fra le attività di barbiere o parrucchiere per uomo e parrucchiere per donna.

Requisiti soggettivi

Per svolgere l’attività è necessario:

  • possedere i requisiti previsti dalla normativa antimafia e i requisiti morali e professionali previsti dal Regolamento regionale 28/11/2011, n. 6 e dalla Legge 17/08/2005, n. 174.
  • designare almeno un responsabile tecnico, in possesso dei requisiti professionali, per ogni sede dell'impresa dove viene esercitata l'attività di acconciatura. Il ruolo di responsabile può essere svolto da: il titolare, un socio partecipante al lavoro, un familiare aiutante o un dipendente dell'impresa.      

Il responsabile tecnico deve essere sempre presente durante lo svolgimento dell'attività e deve essere iscritto nel Repertorio delle notizie Economico-Amministrative (REA) contestualmente la trasmissione della SCIA.

Requisiti oggettivi

L’attività di acconciatore può essere svolta presso apposita sede ovvero presso il domicilio dell’esercente. I locali devono rispettare i requisiti strutturali, impiantistici ed igienico-sanitari previsti dalle norme di legge e regolamentari vigenti in materia. 

 

Approfondimenti Normativi: 
Vendita di prodotti inerenti ai servizi effettuati

È consentita la vendita dei prodotti strettamente inerenti lo svolgimento dell’attività al fine della continuità dei trattamenti in corso. Alle imprese che vendono o cedono alla propria clientela tali prodotti non si applicano le disposizioni contenute nel Decreto legislativo 31/03/1998, n. 114. Pertanto non è necessario presentare alcuna segnalazione certificata di inizio attività.

Attività congiunta di estetista

L'attività di acconciatore può essere svolta congiuntamente a quella di estetista. Le due attività possono essere svolte nella stessa sede, basta che ci sia una netta e visibile separazione delle aree destinate alle due attività. In ogni caso, è necessario possedere i requisiti soggettivi professionali richiesti per lo svolgimento delle diverse attività. 

In questo caso occorre presentare anche segnalazione certificata di inizio attività per estetisti.

Attività congiunta di tatuatore e piercer

L'attività professionale di acconciatore può essere svolta congiuntamente a quella di tatuatore e piercer. Le due attività possono essere svolte nella stessa sede, basta che ci sia una netta e visibile separazione delle aree destinate alle due attività. In ogni caso, è necessario possedere i requisiti soggettivi professionali richiesti per lo svolgimento delle diverse attività. 

In questo caso occorre presentare anche segnalazione certificata di inizio attività per tatuatori e piercer.

Affitto di poltrona, cabina o postazione

L'esercente dell'attività può consentire l'utilizzo dei propri spazi ad acconciatori e tatuatori o piercer, in possesso dei prescritti titoli abilitativi, anche mediante il contratto di affitto di cabina, poltrona o postazione. 

In questo caso occorre presentare anche comunicazione per affitto di poltrona, cabina o postazione.

Sportello Telematico Val Brembilla