Il Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 53 considera:

  • le opere in conglomerato cementizio armato normale, quelle composte da un complesso di strutture in conglomerato cementizio e armature con funzione statica
  • le opere in conglomerato cementizio armato precompresso, quelle composte da strutture in conglomerato cementizio e armature nelle  quali si imprime artificialmente uno stato di sollecitazione addizionale di natura ed entità che assicurano permanentemente l'effetto statico voluto
  • le opere a struttura metallica in cui la statica è  assicurata in tutto o in parte da elementi strutturali in acciaio o  in altri metalli.

Le opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso e a struttura metallica devono essere denunciate dal costruttore prima del loro inizio (Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 65).

Anche le varianti che nel corso dei lavori si vogliono introdurre alle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso e a struttura metallica devono essere denunciate allo sportello unico prima di dare inizio alla loro esecuzione.

Approfondimenti Normativi: 
Costruzioni in zona sismica

La denuncia di opere in conglomerato cementizio armato naturale, precompresso e a struttura metallica può essere presentata autonomamente rispetto alla documentazione per costruzioni in zona sismica, oppure, può essere sostituita dal deposito ai fini sismici se quest’ultimo ha i contenuti previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 65 ed è firmato anche dal costruttore.

Fine lavori e relazione a strutture ultimate

Una volta completate le opere strutturali il direttore dei lavori deve depositare la relazione a strutture ultimate entro 60 giorni dalla fine dei lavori (Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 65). 

Collaudo statico

Entro 60 giorni dalla comunicazione di fine dei lavori, il collaudatore deve presentare il certificato di collaudo (Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 67). Per le opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso e a struttura metallica i 60 giorni decorrono dalla data di deposito della relazione a strutture ultimate. Il certificato di collaudo statico, quando depositato, tiene luogo dell'attestato di rispondenza dell'opera alle norme tecniche per le costruzioni previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 62.

Il collaudo deve essere eseguito da un ingegnere o da un architetto che non è intervenuto in alcun modo nella progettazione, nella direzione o nell'esecuzione dell'opera e che è iscritto all'albo da almeno dieci anni. Quando non esiste il committente e il costruttore esegue le opere in proprio, quest'ultimo è obbligato a chiedere all'ordine provinciale degli ingegneri o a quello degli architetti una terna di nominativi tra i quali scegliere il collaudatore. Questa richiesta deve avvenire prima della presentazione del procedimento edilizio.

In corso d'opera possono essere eseguiti collaudi parziali motivati da difficoltà tecniche e da complessità esecutive dell'opera, fatto salvo quanto previsto da specifiche disposizioni.

Sportello Telematico Val Brembilla