Per materiali da scavo s'intende il suolo o sottosuolo, con eventuali presenze di riporto, derivanti dalla realizzazione di un'opera come (Decreto del Presidente della Repubblica 13/06/2017, n. 120, art. 1, com. 1):

  • scavi in genere (sbancamento, fondazioni, trincee)
  • perforazione, trivellazione, palificazione, consolidamento
  • opere infrastrutturali in generale (galleria, strada)
  • rimozione e livellamento di opere in terra.

I materiali da scavo possono anche contenere: calcestruzzo, bentonite, polivinilcloruro (PVC), vetroresina, miscele cementizie e additivi per scavo meccanizzato. La composizione media dell'intera massa non deve però presentare concentrazioni di inquinanti superiori ai limiti massimi previsti.

La procedura per la gestione delle terre e rocce da scavo si differenzia a seconda del fatto che i materiali siano o non siano provenienti da opere soggette a valutazione di impatto ambientale (VIA) o ad autorizzazione integrata ambientale (AIA).

Sportello Telematico Val Brembilla